Non si arresta nel secondo trimestre del 2020 la riduzione della produzione media giornaliera dell’industria manifatturiera olandese.

In positivo dalla metà del 2014 fino al 2018, la tendenza generale dell’industria manifatturiera nei Paesi Bassi ha iniziato il proprio periodo di contrazione da fine 2018, toccando in questi mesi i punti più bassi, ovviamente influenzati dall’impatto del Coronavirus.

A maggio, infatti, il calo registrato dal settore è stato del 12,5% rispetto allo stesso mese dello scorso anno. A far segnare la maggior contrazione è stato il settore delle attrezzature per il trasporto, con quasi un -40% rispetto a maggio 2019.

Grazie alla parziale riapertura delle fabbriche nei Paesi Bassi, la contrazione nel mese di maggio è stata leggermente meno netta che nei mesi precedenti.

Tra le otto maggiori industrie manifatturiere, l’unica a non aver fatto registrare dati negativi in questo periodo è stata quella di produzione di macchinari, con quasi un +5% rispetto al maggio del 2019.

Tuttavia, la fiducia dei produttori – principalmente a causa del miglioramento delle aspettative sulla produzione futura e sull’export verso la Germania – continua a crescere al diminuire delle restrizioni dovute al Coronavirus.