Coronavirus e debiti: dal governo assistenza per 146 milioni di euro

Dalle grandi industrie al singolo consumatore, le conseguenze economiche del Coronavirus si stanno facendo sentire sotto molti aspetti: tra questi l’aumento dei debiti, in particolare, tra giovani, lavoratori flessibili e imprenditori con poche riserve già indebitati prima dell’inizio della pandemia di COVID-19.

Ecco perché, a loro sostegno, è sceso in campo il governo olandese, stanziando 146 milioni di euro.

Nei Paesi Bassi, un Comune – che è il responsabile in fatto di cancellazione del debito – ha bisogno di tempi lunghi per trovare un accordo con i creditori sui rimborsi dei debiti.

Per facilitare questo iter, tuttavia, alcune realtà lavorano da tempo con contratti collettivi per la cancellazione del debito.

Una forma di sostegno che, grazie ai 146 milioni di euro statali, potrebbe essere adottata da molte altre municipalità nei prossimi mesi.

Altri 30 milioni, inoltre, saranno destinati a un fondo di garanzia, che permetterà ai Comuni di anticipare parzialmente l’importo da rimborsare, revocando il debito residuo e facendo sì che il debitore abbia solo il Comune come creditore: il debitore, in questo modo, avrà un maggior controllo sulla propria situazione finanziaria.